image73

LABORATORIO TEATRALE LIBER-ABIL-MENTE

  

Tra le attività del progetto “Latina Solidale – Buone pratiche in rete”che ricordiamo essere finanziato dalla Regione Lazio con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali grazie all’Avviso Pubblico “Comunità Solidali” Annualità 2018 è stato svolto un laboratorio di teatro per persone con disabilità dal titolo “liber-abil-mente”. Il laboratorio ideato da Angela Mauti si è svolto negli ultimi mesi e tra pochi giorni terminerà con la messa in scena dello spettacolo dal titolo “Il vecchietto dove lo metto?” venerdì 24 maggio al Teatro Fellini di Pontinia, con inizio alle ore 20:45.

A svolgere il laboratorio i collaboratori dell’Associazione di volontariato La Rete di Pontinia, molto attiva sul territorio; il laboratorio, partito a gennaio, vede andare in scena più di 30 attori con disabilità non solo del Comune di Pontinia ma anche del territorio limitrofo. 

Il teatro è l’occasione di mettersi in gioco insieme ad altri con la  possibilità di utilizzare il proprio corpo come risorsa, favorendo il cambiamento in positivo di atteggiamenti e percezioni. Incuriosire il pubblico, ridere insieme ad esso e abbattere le barriere, oltre che raccontare la disabilità fuori dagli stereotipi. 

Inoltre, il teatro è uno degli strumenti culturali più efficaci per esprimere e rappresentare la diversità come ricchezza, bellezza e comunicazione. Un percorso teatrale non è solo scoprire ed esplorare le potenzialità espressive, ma è conseguire un incremento significativo della propria maturità, è accrescere il senso di appartenenza e partecipazione al mondo degli altri. Questa attività è incentrata sul ” RUOLO” e quindi sull’interpretazione dei personaggi: il gioco dei ruoli, il personaggio principale, i personaggi ausiliari; “SULL’AZIONE” lavoro sulle azioni fisiche, esercizi di espressione corporea.

Restituire agli altri la propria presenza importante fuori dall’utilità quotidiana. Spesso le persone portatrici di handicap vengono relegate in funzioni e postazioni “inutili” dal punto di vista produttivo della società. Il teatro è lo spazio dove invece quello che faccio donandomi agli altri è il mezzo produttivo di benessere più alto che ci sia. La produzione artistica in sé è “inutile”, ma è ricercata dall’uomo come indispensabile per la propria pienezza esistenziale. Partecipare a questa dimensione restituisce alle persone un profondo significato esistenziale.

Appuntamento dunque venerdì 24 maggio alle ore 20.45 al Teatro Fellini di Pontinia per una divertente serata con lo spettacolo “Il vecchietto dove lo metto?”.

Spettacolo finale

VENERDI' 24 MAGGIO 2019

ORE 20:45 

TEATRO FELLINI - PONTINIA

"Il vecchietto dove lo metto?"